Foto Val BorberaHomepage
 


Homepage

XXXV Tour Gastonomico 2013
Date del Tour primaverile e autunnale, menù e programma completo anche in formato eBook (PDF).
Libretto-cartina in distribuzione anche negli uffici turistici e presso i locali associati.

Alberghi e Ristoranti: dove dormire e dove mangiare?
Elenco degli alberghi e ristoranti con la loro posizione nelle valli rispetto ai punti di maggior interesse.

Cosa si fa in Val Borbera?
Parco Acquatico, Moto Club, Lupi Off Road 4x4, Natura Nuova escursioni e Centro Ippico.

Come arrivare in Val Borbera?
Mappa dei collegamenti autostradali nel triangolo Torino-Milano-Genova, mappa della valle con indicazione di musei, fortezze, scavi romani, casa natale di Fausto Coppi e Outlet dello shopping a Serravalle.

.

Archivio News:

Giornata di Resistenza Umana organizzata dal Club Papillon

Programma di sabato 23 settembre 2006

Ritrovo ore 11,00 presso Palazzo Spinola di Rocchetta Ligure:
incontro artigiani radiosi del territorio e degustazione di un piatto tipico a cura della Associazione degli albergatori della Val Borbera e Spinti.

Ore 14,00
Arrivo al valico delle Capanne di Cosola (1.500 metri) con ritrovo presso il ristorante Da Fausto ed esibizione musicale con balli dei Suonatori delle Valli delle Quattro Province

Ore 16,15
Arrivo a Dova Superiore alla Cooperativa Terre Bianche di Don Luciano Maggiolo

Ore 18,30
Arrivo al Caseificio Vallenostra di Mongiardino Ligure incontro con Roberto Grattone il "Re" del Montebore

Ore 20,30
Cena con men¨ tradizionale della Valle Borbera al Ristorante Stevano e al ristorante Belvedere dal 1919 di Cantalupo Ligure

Rassegna stampa dell'evento:


Articolo su: Il Piccolo n. 110, 27 settembre 2006 ©

Il Piccolo, ingrandisci articolo


Articolo su: Il Nostro Giornale n. 36, 30 settembre 2006 ©

Il Nostro Giornale, ingrandisci articolo


 

Archivio News:

Mostra di Carlo Carrà a Parigi, la provincia di Alessandria in mostra.

Il Piccolo Magazine deicato alla mostraFino al 15 ottobre 2006

Alessandria, un certain savoir vivre au Piemont.
Una provincia in mostra, une province en evidence.

Grande successo della Mostra di Carrà a Parigi.
L'evento organizzato dalla Provincia di Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dalla Regione Piemonte. Ludovico Ortona, ambasciatore d'Italia a Parigi, Jean Tiberi, sindaco di Parigi e Umberto Eco: sono le tre personalità che hanno tenuto a battesimo la mostra di Carlo Carrà, allestita nella Mairie del V Arrondissement, in piazza del Pantheon, nel cuore del quartiere Latino della capitale francese.
Venerdi 15 settembre, in una sala gremita di parigini e alessandrini - i sindaci di Alessandria, Quargnento, Casale, Cuccaro, Camagna e Acqui Terme agli assessori provinciali Giancarlo Caldone e Massimo Barbadoro, il presidente della commissione consiliare alla cultura Emanuele Demaria, il consigliere provinciale Roberto Gotta, l'assessore regionale Oliva con i consiglieri Ugo Cavallera e Marco Botta, gli onorevoli Mario Lovelli, Franco Stradella e Paolo Affronti, il presidente della Cassa di Risaprmio di Alessandria, Pernice con i direttori della Fondazione e della Cassa di Risparmio, Mondellini e Sovico - è stata presentata la mostra del pittore alessandrino Carlo Carrà. "Sono molto contento di presiedere l'inaugurazione della mostra di uno dei fondatori, con Tommaso Marinetti, del futurismo e del rinnovamento pittorico italiano - ha detto Jean Tiberi, sindaco di Parigi portando il saluto della città e suo personale - e desidero invitarvi a soffermarvi davanti al quadro del Cristo crocifisso inviato dalla Città del Vaticano e appeso per anni nello studio di Papa Paolo VI.
E insieme al ringraziamento per questa interessante esposizione, con le personalità piemontesi e alessandrine convenute desidero salutare il più illustre dei piemontesi, Umberto Eco, che sono qui con noi". L'ambasciatore italiano a Parigi, Ludovico Ortona, nel richiamare l'attenzione sulla grande tradizione di collaborazioni culturali fra la Francia e l'Italia, ha sottolineato che "la mostra di Carlo Carrà ne è una testimonianza e non poteva esservi momento più felice per presentare un così importante pittore della nostra terra (il nonno e il papà sono di Casale Monferrato, ndr). Infatti - ha detto - la settimana è iniziata con l'inaugurazione da parte del presidente Giorgio Napolitano della mostra su Tiziano e si conclude con Carrà".
L'ambasciatore Ortona ha ringraziato la Provincia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e la Regione Piemonte per aver reso possibile un così importante e qualificato avvenimento culturale a Parigi. Il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Gianfranco Pittatore - nel ricordare gli eventi culturali e di promozione turistica ed economica nelle ambasciate italiane di Madrid e Lisbona e nel Royal Golf Club di Rabat - ha sottolineato la sinergia fra gli enti che ha permesso di realizzare una mostra come quella di Carrà a Parigi "finalizzata alla promozione e alla valorizzazione del nostro territorio e dei suoi prodotti. Nel 2002 - ha detto Gianfranco Pittatore - abbiamo organizzato un ciclo di eventi dedicato a questo grande concittadino, grazie alla collaborazione della famiglia e del nipote, Luca Carrà. Oggi, a Parigi, presentiamo una selezione di trenta opere provenienti da prestigiose collezioni come i musei Vaticani e la Guggenheim di Venezia. Per la nostra Fondazione - ha concluso il presidente Pittatore - promuovere le eccellenze del proprio territorio rappresenta un felice coronamento della propria 'mission' e questa esposizione all'estero ne è una testimonianza". Dopo l'intervento dell'assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Gianni Oliva - che ha sottolineato come la nostra regione non sia soltanto produttrice di auto ma possa esportare benissimo anche cultura - piena soddisfazione per l'evento è stata espressa dall'assessore alla Cultura della Provincia di Alessandria, Maria Rita Rossa, "per un evento ad ampio raggio culturale proprio nella città dove Carlo Carrà giunse da Quargnento nel 1900 con una piccola valigia e un enorme bagaglio di aspettative per decorare alcune sale dell'esposizione universale. La nostra è una grande responsabilità perché, come Carrà, abbiamo intrapreso un viaggio che rappresenta per l'ente Provincia una grande occasione di presentarsi ad una vetrina internazionale senza timidezza. Ma la mostra è inserita in un progetto di più ampio respiro di promozione turistica che prevede il coinvolgimento di zone significative del nostro territorio e che intende offrire ulteriori elementi di conoscenza del nostro modo di vivere". E' toccato poi ad Umberto Eco, testimone d'eccezione e figlio famoso in tutto il mondo della terra alessandrina, chiudere la presentazione della mostra attraverso un excursus di peculiarità che caratterizzano il nostro territorio: da Borsalino a Marengo al Casalese. Naturalmente, l'autore alessandrino ha voluto far assaporare ai francesi alcune pagine del suoi "Baudolino", tradotto nella lingua d'oltralpe, firmando molte copie del libro. Giunti al termine dell'esposizione di Carlo Carrà, i visitatori si trovano una sala dove vengono invitati ad assaporare i prodotti tipici del nostro territorio, ricevendo materiale illustrativo delle offerte turistiche, culturali ed enogastronomiche. Ha iniziato l'Acquese, che terminerà il proprio ciclo il 24 settembre; gli subentrerà il Casalese fino al 5 ottobre per lasciar spazio a Novese, Tortonese e Ovadese fino al 15 ottobre.
"Con un pacchetto di offerte come quello in corso a Parigi - ha commentato il presidente della Provincia, Paolo Filippi, impegnato in Cina nella missione economico-imprenditoriale del presidente del Consiglio - la Provincia e i Comuni hanno compiuto un netto salto di qualità nella promozione del territorio, delle sue peculiarità, nella valorizzazione del lavoro e della professionalità di tante persone che sanno trarre dalla tradizione nuovi motivi di investimento. Ci stiamo muovendo su diversi fronti nazionali ed internazionali per svolgere quell'azione di supporto alle industrie, all'artigianato, al commercio e all'agricoltura che aiutino le nostre imprese ad affermarsi sui nuovi mercati che la globalizzazione ha aperto". Nei primi due giorni di apertura la mostra è stata visitata da oltre tremila persone.
Fonte : comunicato Provincia di Alessandria.

Palazzo della Marie, sede della mostraExposition "Hommage à Carlo Carrà, du futurisme au réalisme"
Né à Quargneto près d'Alessandria en 1881, Carlo Carrà commence à dessiner très jeune. Il est l'un des fondateurs en 1909 du mouvement futuriste. L'exposition comprend environ trente oeuvres provenantes de prestigieuses collections publiques et privées qui montrent le parcours artistique du grand peintre divisionniste, futuriste et métaphysique. Rendez-vous du 15 septembre au 15 octobre
Mairie du 5e, salle René Capitant.
www.mairie5.paris.fr

     
Consorzio terre di Fausto Coppi, Ascom-Confcommercio, Comunità Montana Val Borbera e SpintiComunità Montana
 
Gal Giarolo Leader, Unione Europea, Regione Piemonte
 

Associazione Albergatori e Ristoratori della Val Borbera e Spinti
Via XXV Aprile 6 - Fraz. Castel Ratti, Borghetto Borbera (AL) Italia - P.Iva IT 01610050062
info@valborberaespinti.com - telefono +39 0143 697303 - fax +39 0143 697947

© 2008 Tutti i diritti sono riservati, All rights reserved - Fotografie: Andrea Busi e Dino Ferretti.
Web design:
Andrea Musso Comunicazione